GiocaSorridiMangia

Avventure di una mamma blogger


2 commenti

Datteri ripieni e la nuova rubrica del MAG About FOOD

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

E’ lunedì e siete tutti a dieta, ma mai essere a dieta di entusiasmo e di novità!!

Lo sa bene Alessandra, che di recente, insieme alla sua redazione, ha partorito la geniale idea della prima non- rivista del web, ovvero MAG About Food, che trovate sul sito del MTChallenge e che, oltre a tutte le novità, ne presenta una molto cara a tutti noi, membri di questa bellissima community, l’intervista vis a vis, un’intervista doppia, che ogni volta vede protagoniste due Blogger autentiche, come Francesca Geloso e Chiara Picoco. Ed è proprio dalla loro intervista che ho tratto questa goduriosa ricetta di datteri ripieni e poi ricoperti di cioccolato fondente.

DATTERI RIPIENI

ricetta di Chiara Picoco

Ingredienti per 10/12 persone:

1 confezione di datteri

Per il ripieno:

120 g di mandorle tritate

1 cucchiaio di scorza d’arancia grattugiata

2 cucchiai di zucchero

2 cucchiai di Grand Marnier

succo d’arancia q.b.

Per la copertura:

150 g di cioccolato fondente

 

Tagliate i datteri nel senso della lunghezza ed eliminate il nocciolo.

In una ciotola mescolare le mandorle, lo zucchero, la scorza d’arancia, il liquore e il succo di arancia fino a che tutti gli ingredienti non saranno bene amalgamati e il composto non risulterà morbido.

Prendere parte dell’impasto, creare un rotolino e metterlo su mezzo dattero, ricoprire con l’altra metà senza premere troppo. Fare la stessa operazione, finché il ripieno non sarà finito.

 

Sciogliere il cioccolato fondente a bagnomaria, immergervi i datteri  e poi porli a raffreddare su un foglio di carta da forno.

 

Guarnire a piacere con filetti di scorza d’arancia o granella di mandorle o cioccolato al latte fuso.


2 commenti

Un aperitivo bugiardo fino in fondo … Panna cotta al robiola di capra e finto crumble salato gluten free per il The Recipe-tionist

Tra bloggers non è semplice conoscersi di persona, anche se le occasioni non mancano, ma la conoscenza che abbiamo, talvolta, gli uni degli altri, benché “virtuale”, è come se superasse quella “a quattro occhi”. D’altra parte, capita che presentandovi una qualsiasi ricetta, si parli un po’ di noi, ci si racconti,insomma.E quando si ha l’occasione di gironzolare dentro un blog, come anche questo mese ho fatto per il The Recipe-tionist, ti accorgi e ti sorprendi di quello che puoi trovarci dentro, e ricordi la persona che lo cura come se già la conoscessi: Cristiana, sto parlando di te!!! sei quella del “quinto quarto”, quella che pensa di fare foto meno belle di noialtri (quella invece sono io, sappilo), quella tipa tutta d’un pezzo, che non ha peli sulla lingua, e fa bene a dire sempre ciò che pensa, e, non per ultimo, quella del Grasso che Cola. Quella che riesce a tirar fuori dal cilindro dei piatti indimenticabili … in effetti tra tutti quelli che avrei potuto scegliere, per celebrare il tuo modo di approcciarsi al cibo, ho scelto una ricetta del riciclo, che può sembrare fin troppo semplice … ma guardatela bene.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

E’ una panna cotta, ma non un dessert..ragazzi miei è un aperitivo e quel crumble salato mi ha fatto penare, perché realizzare un crumble senza glutine con la farina di riso è una sfida persa in partenza. Non mi sono data per vinta: ho realizzato un finto crumble e al posto della farina ho usato del pan grattato gluten free (tant’è che  Flavia mi ha tranquillizzata sul fatto che non mi sarebbe stato conteggiato come ingrediente sostituito) e non l’ho infornato, perciò è un crumble bugiardo, che non “crocca”.

Ma c’è un altro motivo per il quale ho scelto questa ricetta, e cioè la delicatezza e l’autoironia con cui Cristiana riesce a parlare di suo marito e del loro entourage familiare, lui che accompagna i figli a scuola per la prima volta dopo non so quanti anni, ed è in preda a mille dubbi e domande … Ecco, è questo il bello di noi food bloggers, raccontarvela così la vita di tutti i giorni, come una ricetta semplice, ma che, a ben guardare, è densa di significati.

Ingredienti

composta di pere e zenzero (avanzata da qui)

200 g di robiola di capra

250 ml di panna fresca

4 fogli di gelatina

per il crumble

100 g di farina (per me pan grattato senza glutine)

80 g di burro

40 g di Parmigiano

sale facoltativo (né io né Cristiana lo abbiamo adoperato)

Mettere la gelatina in acqua fredda. In un pentolino, scaldate la panna fino a 80 °C. Aggiungere il robiola e farlo sciogliere. Strizzare bene la gelatina per togliere l’eccesso di acqua e aggiungerla alla panna e formaggio, mescolando molto bene. Se necessario, usare un setaccio per togliere eventuali grumi. I bicchieri di panna cotta vanno già porzionati  per poter essere messi in frigo a rapprendere, perciò procuratevene un numero adeguato. Io ho fatto solo tre super porzioni, perché avevo poca composta, ma fino a nove piccole ce la si può fare. In ogni bicchiere, adagiate la confettura, versateci su lentamente la panna cotta e mettete in frigo per almeno tre ore. Per il crumble salato, se avete adoperato della farina 00, potete infornare a 180°C, dopo aver lavorato velocemente gli ingredienti. Se volete fare un finto crumble senza glutine come me, usate del pangrattato gluten free, frullando tutto a crudo in un piccolo robot.

marzoaprile2b2017