GiocaSorridiMangia

Avventure di una mamma blogger


3 commenti

Cuor di formaggio per il viaggio dei sapori di Ottobre

Parliamo di maledizioni?

Ovviamente quelle benevole…

Ad esempio, quella così curiosa, e per certi versi difficile da capire, che Gogol attribuisce ad un protagonista di uno dei suoi romanzi, ed è questa: “Che ti possa mancare la vodka quando ti svegli al mattino!” Se, per un russo non è maledizione questa, cioè l’impossibilità di riprendersi dall’ultima sbornia, con un meccanismo chiodo-scaccia-chiodo…

Ma lasciando da parte la letteratura russa ed il consumo di alcolici, visto che sono astemia e ve l’ho detto un sacco di volte, direi che una maledizione un po’ più alla mia portata sarebbe quella di rimanere senza marmellata di fichi durante l’inverno. E per voi quale sarebbe la sciagura gastronomica più dura da sopportare?

La ricetta di oggi è perciò scaramantica -e buonissima- e l’ho realizzata per il Viaggio dei Sapori di Ottobre per AIFB, scegliendo di abbinare ad un ripieno a base di provolone, delle noci, che, poi, si sa, stanno anche bene coi fichi. In particolare, marmellata di fichi salentini, fatta in casa per l’inverno.

Il tutto è avvolto in un sottile “guscio” di pane fritto, senza lievito e senza glutine.

Cuor di formaggio, noci e marmellata di fichi

150 ml di kefir bianco

200 g di mix di farina senza glutine per pane

8-10 cucchiaini di marmellata di fichi

100 g di provolone dolce

8-10 gherigli di noci

olio di semi per friggere

zucchero a velo

1.Versate il kefir e la farina in una planetaria e azionate per qualche minuto, fino ad ottenere un impasto omogeneo che deve riposare un quarto d’ora. Nel frattempo, pulite le noci, affettate il formaggio a cubetti.

2.Su un piano di lavoro stendete l’impasto di pane il più sottile possibile, aiutandovi con della carta pellicola o carta forno, perché, essendo senza glutine, tenderà ad appiccicarsi o spezzarsi.

3.Formate dieci pezzi e riempiteli con un cucchiaino di marmellata, un gheriglio di noce e qualche cubetto di provolone. Richiudetelo su se stesso e con un taglia biscotti, ottenete la forma circolare, ripassando con le dita le estremità per sigillarle ed evitare che si aprano in cottura.

4.Friggete per pochi minuti da un lato e dall’altro. Servire caldi e spolverare con dello zucchero a velo.


4 commenti

Dolcetti noci e miele

Spero di non essere l’unica food blogger che ha ceduto alla tentazione di riprodurre una ricetta vista in TV … precisamente nella trasmissione di Antonella Clerici, complice mia mamma, che è un’assidua –ahimé – sua spettatrice. Dopo i miei 5 minuti di “vergogna” vi riporto la ricetta, che ho eseguito, come sempre, in versione gluten free.

Baci! E non odiatemi @.@

Ingredienti:

100 g di mix di farine senza glutine Coop

1 uovo bio

80 g di noci

miele millefiori

Se avete una planetaria, potete utilizzarla per mescolare l’uovo e la farina. Aggiungete il miele “a filo” e le noci già frullate, tenendo da parte dei gherigli per la decorazione. Con l’aiuto di due cucchiaini, formate delle palline (non verranno perfette ma è questa forma che li caratterizza) e disponetele su una teglia da forno, rivestita con carta da forno.

Su ciascun dolcetto mettete un gheriglio a metà e premete un po’, schiacciando la pallina.

Infornate per 10-15 ‘ a 180°C.


3 commenti

Brutti ma buoni

Ingredienti

3 albumi

200 g zucchero a velo

150 g mandorle pelate

50 g noci

Montare a neve gli albumi, unire lo zucchero poco alla volta. A parte, macinare mandorle e noci già puliti, aggiungendo al composto compatto. Per evitare di smontare gli albumi, meglio procedere manualmente utilizzando un cucchiaio di legno.

Foderare una o più teglie con carta da forno su cui saranno adagiati i dolcetti. Se l’impasto non perde la consistenza,

si può utilizzare la sac a poche per formarli rotondi come meringhe, altrimenti è meglio far cuocere negli stampi al silicone o in acciaio (come i miei in foto).

Infornare a 160°C a forno già caldo per almeno 45′.

Per quanto potranno essere “brutti”, questi dolcetti gluten free sono davvero molto buoni.

Provare per credere.


2 commenti

TORTA DI NOCI E CANNELLA

San Martino di Tours anche quest’anno è stato ricordato con devozione a sorsi di vino novello come di tradizione salentina..certo il post arriva con un giorno di ritardo, ma, come si dice, meglio tardi, che mai!

Il motivo è semplice, volevo condividere la ricetta di questa torta, e per farlo, volevo esser sicura che fosse buona, o almeno commestibile…perciò ieri sera l’ho”proposta” a fine cena (a base di carne alla brace e vino novello,appunto) e il risultato è stato gradevole, perciò eccomi qua con la lista degli ingredienti:

65 g di preparato Coop a base di Amido di Mais e semi di psyllium

135 g di preparato Conad deglutinato

4 uova intere biologiche

25 g di olio extravergine di oliva

100 g di zucchero grezzo

16 g di lievito istantaneo in polvere

100 g di noci sgusciate

1 cucchiaino raso di cannella

Le uova le ho lavorate senza separare i tuorli, e assieme allo zucchero. A parte ho unito le farine e il lievito,aggiungendo a poco poco gli ingredienti secchi a quelli liquidi. Per ultimo ho aggiunto le noci sgusciate senza sbriciolarle, e la cannella. Ho versato l’impasto molto fluido nello stampo e ho infornato a 175 °C per 25 ‘ in forno ventilato.

Un altro esperimento gluten free andato a buon fine!

 

NOTE A PIE’ DI PAGINA

Un rilievo di San Martino di Tours che si trova a Venezia, nella Chiesa omonima